Via Benedetto da Maiano, 4 - 50014 Fiesole (Firenze)
+39 055 59163
Categories
Il giardino di Villa Bardini

Il giardino di Villa Bardini Bencistà e Firenze da scoprire Il giardino di Villa Bardini è uno degli angoli di Firenze meno conosciuti da grande pubblico, ma che hanno il potere di affascinare per la loro bellezza e per i panorami meravigliosi che si godono dalla sua terrazza su Firenze. La storia di Villa Bardini è affascinante ne suo insieme. Appartenuti al grande commerciante d’arte e antiquario Stefano Bardini, alla morte dell’ultimo erede della casata è stato oggetto di contenzioso ereditario a lasciato all’abbandono. In fine, grazie all’intervento di varie forze politiche è stato possibile far attuare il testamento di Ugo Bardini che lasciava la proprietà alla città di Firenze. Accuratamente restaurato il giardino è ora aperto al pubblico e gestibile con un unico biglietto che lo accomuna al Giardino di Boboli, situato nelle vicinanze Il giardino risente dell’influenza dei vari proprietari, essendo stato fin dal medioevo un ambiante vissuto e modificato. Bardini vi apportò il maggior numero di rinnovamenti e il posizionamento di importanti staute (alcune della quali andate perdute) eliminando elementi medioevali, costruendo il viale e mantenendo elementi precedenti come il bosco il giardino inglese e barocco e gli impianti idraulici. L’immagine di maggiore impatto riguardo al giardino […]

Comments: 0
Pensione Bencistà e l’ osservatorio Ximeniano

Pensione Bencistà e le Importanti figure di Firenze Leonardo Ximenes e l’osservatorio Ximeniano o di San Giovannino. Il 27 dicembre del 1716 nasceva a Trapani un personaggio che avrebbe dato prestigio alla cultura scientifica di Firenze con i suoi studi e le sue opere di idraulica: Leonardo Ximenes Esattamente di fronte alla facciata, incompleta, della Chiesa di San Lorenzo a Firenze si trova un edificio sormontato da una cupoletta bianca, facilmente riconoscibile da vari punti panoramici della città. Si tratta dell’ Osservatorio Ximeniano, uno degli osservatori italiani di meteorologia e geofisica, facente parte della Rete Sismica dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. Si trova nello stesso edificio in cui fu fondato, nel 1756 dal padre Gesuita Leonardo Ximenes, all’ultimo piano del convento di San Giovannino (da cui il nome) retto dai Padri Scolopi. Le opere di Leonardo Ximenes sono state vari e molteplici. Nato a Trapani fu trasferito in Toscana della compagnia di Gesù e qui si applico nello studio dell’ Idraulica iniziando importanti opere come la bonifica della Maremma. Il Granduca di Toscana lo scelse come cartografo e ingegnere, consultandolo in importanti questioni: molte strade toscane attuali seguono ancora i disegni originali di Ximenes Il gesuita fu anche importante […]

Comments: 0
Pietro il Gottoso

Pietro il Gottoso Si festeggiano quest’anno esattamente il 14 giugno, i 600 anni dalla nascita di Pietro dei Medici conosciuto anche come Pietro il Pio ma sopratutto come Pietro il Gottoso. Figlio di Cosimo il Vecchio e padre di Lorenzo il Magnifico, Pietro il gottoso risulta spesso schiacciato tra queste due figure tanto rilevanti per la storia di Firenze, mentre fu un uomo politico e mecenate di notevole importanza. Si deve infatti a lui il rafforzamento del potere politico del casato dei Medici come il proseguimento dell’attività di mecenatismo iniziata dal padre Cosimo. In particolare Pietro iniziò l’opera di collezione di oggetti di valore artistico come cammei, arazzi e gemme, oggetti che erano consideranti di grande valore per il prestigio sociale dalle corti europee, proseguì la collezione di libri, si interessò all’arte fiamminga e commissionò importanti opere d’arte e architettoniche. A Pietro si deve anche l’arrivo del simbolo del Giglio nello stella mediceo. Luigi XI concesse, come onorificenza, a Pietro di rivestire una delle palle dello stemma mediceo con gigli d’oro su campo azzurro. Fino a quel momento il giglio era stato il simbolo della sola casa di Angiò. Da questo giglio francese discende il simbolo fiorentino. Pietro il Gottoso […]

Comments: 0